Barbara D’Urso resta a Domenica Live: “Insostituibile, appuntamento a settembre”

Barbara D’Urso resta salda al timone di Domenica Live anche per la prossima stagione. Dopo i rumours degli ultimi giorni in cui si parlava di una co conduzione con Massimo Giletti è arrivata la dichiarazione ufficiale dai vertici di Mediaset. Queste le dichiarazioni di Giancarlo Scheri in una nota stampa: “Si è chiusa ieri ( domenica ndr) un’altra stagione eccezionale di Domenica Live con Barbara D’Urso, bravissima e insostituibile padrona di casa”.

barbara-durso-bollicine

“Il programma di Videonews – dice il direttore Canale 5 – è stato leader incontrastato per tutta la stagione televisiva ed è diventato, grazie alla bravura di una magica Barbara e di tutta la squadra giornalistica, autorale e produttiva, irrinunciabile per i telespettatori di Canale 5. Ringrazio ancora una volta Barbara e tutta la squadra Mediaset per il grande e impegnativo lavoro svolto anche quest’anno. I telespettatori non dovranno aspettare molto per rivedere Barbara alla guida della domenica pomeriggio di Canale 5: l’appuntamento con lei e con la nuova edizione di Domenica Live è a settembre”.
Il contenitore domenicale di Canale 5 si è confermato anche quest’anno leader incontrastato della sua fascia (dalle ore 17.00 alle ore 18.45) riuscendo a incrementare gli ascolti del +12% rispetto all’omologo dello scorso anno, con una media di 2.557.000 spettatori e del 17.6% di share. Nel corso della stagione sono state registrate puntate record che hanno superato il 21% di share e i 3.500.000 spettatori con picchi di oltre 4.000.000 di telespettatori.

Massimo Giletti minacciato difende i suoi ospiti: non mi arrendo

“È la prima volta che sono un po’ in difficoltà in tutti questi anni. La rabbia che si accumula in certi casi è alta”. Massimo Giletti ha aperto la trasmissione L’Arena, raccontando una settimana di pesanti minacce ricevute personalmente e arrivate ai suoi ospiti.
“Pochi minuti fa prima del telegiornale – racconta Giletti – ho fatto una telefonata a una persona che è venuta in questa trasmissione a denunciare un certo tipo di collusioni che ci sono con i poteri forti in Sicilia.

massimogiletti

Questa persona mi ha detto: io temo adesso per la mia vita. È stato attaccata per aver detto queste cose in questa trasmissione. Questa persona è il Capo di Riscossioni in Sicilia, l’avvocato Fiumefreddo”.
E ancora:
“Ho chiamato un’altra persona, il capo della protezione Civile in Calabria, Carlo Tansi, anche lui è stato minacciato di morte. Queste persone hanno parlato in questa trasmissione e sono state minacciate per aver detto certe cose qui, io mi sento responsabile”.
Poi, il messaggio diretto agli autori delle minacce.
“A questi signori, che ci stanno seguendo, dico che le minacce e le pressioni, che ho ricevuto anche io questa settimana, per me sono solo uno stimolo ad andare avanti e rispettare persone come loro, persone di cui l’Italia dovrebbe essere contenta, persone sulle quali poggiare il futuro, oltre al presente. A loro dico che sono qua, fin quando mi lasceranno stare in questo posto, io sono con loro e L’Arena è aperta per loro”.
Non è mancato un richiamo al Presidente dell’Assemblea della Regione Siciliana, Giovanni Ardizzone che aveva contestato Giletti per le puntate dedicate alla Sicilia.
“In settimana ho ricevuto una serie di gentili pensieri da Ardizzone. Ma questa volta non posso stare zitto. Leggo: “Da Giletti ancora bugie e faziosità”, “Da Giletti disinformazione continua”, “Querelo Giletti e la Rai per le notizie false”. È nella sua libertà dirle, ma poi bisogna stare molto attenti perché quando si butta al pubblico ludibrio una persona bisogna ponderare le parole”.

Sanremo, l’omaggio a Pino Daniele: Antonacci canta «Quando»

Biagio Antonacci infiamma la platea dell’Ariston. Il cantautore milanese, per la prima volta a Sanremo in veste di superospite, ha entusiasmato il pubblico esibendosi in un medley di alcuni dei suoi più grandi successi, «Se io se lei», «Dolore e forza», «Pazzo di lei» e «Sognami».

biagio-antonacci-sanremo-2015Applausi a scena aperta per il cantautore milanese, che si è esibito insieme a quattro fisarmonicisti. In platea anche molti volti noti, tra cui Alba Parietti e Massimo Giletti, sorpresi a cantare dalle telecamere. Biagio ha poi voluto fare un omaggio a Pino Daniele cantando «Quando». Al termine della sua performance, il cantautore ha scambiato sul palco qualche battuta con Carlo Conti, concludendo con un’esortazione alla speranza: «Ci riempiono la testa con l’amicizia, l’amore, ma la speranza è tutto -ha detto Biagio- non è l’ultima a morire, ma è la prima a nascere».