Stormy Daniels: “Trump, ti ridò i soldi e racconto tutto”. La pornostar fa tremare la Casa Bianca

«Restituisco i soldi a Trump e dico tutto». Stormy Daniels non vede l’ora di parlare sulla presunta relazione avuta nel 2006 con l’attuale presidente degli Stati Uniti. La 38enne pornostar, all’anagrafe Stephanie Clifford, è passata all’azione con una lettera che -come riferisce la Nbc- è stata inviata a Michael Cohen, legale di Trump. Proprio l’avvocato nell’ottobre 2016, ad un mese dalle elezioni, avrebbe versato 130.000 dollari all’attrice in cambio del silenzio sulla vicenda.

2b98c2f926d3d878f17480c8d9a243d8

Adesso, però, Stormy vuole liberarsi dall’intesa e vuotare il sacco, magari diffondendo anche messaggi e foto. La risposta deve arrivare in tempi brevi: a quanto pare, la deadline è fissata per le 12 di domani. La lettera è stata mandata anche ad un legale rappresentante di Cohen e alla società che 17 mesi fa avrebbe effettuato il pagamento. L’attrice chiede al presidente di indicare un conto sul quale versare il denaro. In cambio, la signora Daniels/Clifford potrà «parlare apertamente e liberamente della sua precedente relazione con il presidente e dei tentativi di farla tacere» e sarà autorizzata «ad utilizzare e pubblicare messaggi, foto e video relativi al presidente che potrebbero essere in suo possesso».
«Tutto questo non ha mai avuto a che fare con il denaro – dice Michael Avenatti, legale della pornostar, a Nbc News – Si è sempre trattato di permettere alla signora Clifford di dire la verità. Il popolo americano dovrebbe avere la possibilità di giudicare da solo chi si sta comportando in maniera lineare e chi sta ingannando le persone. La nostra offerta punta a far sì che questo accada». Ma perché il denaro viene offerto a Trump e non a Cohen? «Perchè non pensiamo ci siano dubbi sulla provenienza originaria dei soldi».
La vicenda, che la Casa Bianca ha sempre bollato come bufala, si arricchisce ogni giorno di nuovi episodi e dettagli. L’attrice avrebbe dovuto essere la protagonista di un segmento di ’60 Minutes’, storico rotocalco della Cbs che va in onda la domenica sera. L’intervista, però, non è stata trasmessa. Secondo BuzzFeed, è stato decisivo l’intervento dei legali del presidente che «stanno preparando un’ingiunzione legale per evitare la messa in onda». La Cbs tace e Stormy Daniels, in una email al Washington Post, scrive: «Tutto quello che posso dire è che» l’intervista «non sarebbe mai andata in onda stasera. Suppongo che staremo a vedere cosa succede».

Il nuovo passo dei legali di Trump si aggiungerebbe a quello reso noto recentemente dalla Nbc. Il presidente, attraverso i propri avvocati, avrebbe ottenuto un ordine restrittivo in un arbitrato privato nei confronti della pornostar, che rischierebbe sanzioni se dovesse parlare pubblicamente di ciò che è avvenuto -o non avvenuto- nel 2006. Ora, la contromossa con l’offerta di rimborso integrale: «È una proposta più che equa, spero che accettino», dice Avenatti. La sua cliente, intanto, monetizza esibendosi come ha sempre fatto negli ultimi 18 anni. In un locale della Florida si è presentata nel weekend con assistente e security: «Sono uno dei registi di maggior successo nel business dei film per adulti. Ho un contratto da diversi anni. L’ho appena rinegoziato e ne ho ottenuto uno nuovo, con un aumento», ha detto alla Cnn.

Hollande e Gayet, altro che storia finita: fotografati insieme all’Eliseo

20141122_84170_Hollande-Trierweiler«Le foto di una coppia di innamorati»: nuovo scoop del settimanale Voici che pubblica le prime foto del presidente francese Francois Hollande e dell’attrice Julie Gayet all’interno dell’Eliseo. Seduti sulla terrazza degli appartamenti presidenziali, la «coppia si gode un tenero momento di complicità come ne vivono spesso dietro alle mura dell’Eliseo. Qui Julie Gayet è come a casa sua: l’attrice ci dorme diverse volte a settimana», si legge nell’ultimo numero del settimanale, in edicola oggi con la notizia in copertina. Le prime foto insieme all’Eliseo del presidente Francois Hollande e dell’attrice Julie Gayet, pubblicate oggi dal settimanale Voici, non «sono state prese dall’interno» del palazzo presidenziale nè tanto meno «da un drone»: lo assicura a Bfmtv/Rmc Marion Alombert, caporedattrice del settimanale. «Le foto non sono state prese dall’interno dell’Eliseo.Vediamo il presidente e Julie Gayet all’interno (delle mura del palazzo presidenziale) ma non sono state scattate dall’interno», ha detto, rispondendo a una domanda sul modo in cui quelle foto fossero state realizzate. «Sono state prese dall’alto ma non con un drone, non utilizziamo in alcun modo questo tipo di metodi. Il drone dei paparazzi è un mito. In ogni caso, Voici non li usa», ha aggiunto la giornalista, che esclude anche la pista dell’elicottero. Ieri il giornale ha pubblicato tre foto del presidente e l’attrice sulla terrazza presidenziale dell’Eliseo scattate durante «il mese di ottobre». Le foto sono chiaramente ingrandite, ciò che altera la qualità dell’immagine. Mentre dall’Eliseo è arrivato un secco «no comment».

Cicliste nude, le atlete scandalizzano l’Uci: “Oltre ogni standard di decenza”

20140914_78483_wwPrima ha agitato i social network tra favorevoli e contrari, ma alla fine è arrivato il maglio dell’Uci, l’Unione ciclistica internazionale, sulla insolita mise «nuda» delle giovanissime atlete colombiane, sfoggiata in occasione della presentazione della squadra Bogotà Humana al Giro ciclistico femminile della Toscana.Le tutine aderentissime delle cicliste, gialle e rosse nella parte delle spalle e delle gambe, hanno riservato un effetto nudo della zona tra l’ombelico ed il basso ventre: è un trattamento del tessuto color carne che «fotografa» con dovizia di particolari parti del corpo, comprese quelle intime, di solito coperte da magliette e pantaloncini.Una divisa che il presidente dell’Uci, Brian Cookson, ha definito in un tweet «inaccettabile per ogni standard di decenza», assicurando che l’Unione si sta interessando del caso.

Vladimir Luxuria in bikini alle cascate

Nadia-Girardi-Vladimir-Luxuria-Cascate-San-Fele-bikini-Antonio-Marcasciano-5Non solo feste e lustrini. Vladimir Luxuria alterna alle ospitate in tv e alle serate mondane al Gay Village, di cui cura la direzione artistica, impegni più istituzionali.
Il mese scorso è stata ospite in Basilicata per presentare il suo libro L’Italia migliore, edito da Bompiani (16 euro), in cui descrive i vizi del mondo dello spettacolo.
Ad accoglierla c’era Nadia Gerardi, presidente dell’Arcigay Basilicata, che finito l’incontro, le ha fatto da cicerone alla scoperta del territorio lucano.
Immancabile la gita alle suggestive cascate di San Fele, dove Vladimir non ha resistito: ha sfilato maglia e leggings e ha fatto il bagno, nonostante l’acqua ghiacciata.
“Acqua fredda: mi si sono ristrette le carni” commenta Luxuria. E posta una foto che la ritrae in uno striminzito bikini rosso dai profili neri, creato per lei dall’amico costumista Antonio Marcasciano.

La trasgender più famosa d’Italia, senza trucco e con una bandana in testa, appare serena e rilassata. Con la borsa nasconde la pancia, ma mette in evidenza il décolleté.
Buone vacanze Vladi.