Fabrizio Frizzi, quella volta che donò il midollo osseo a Valeria Favorito…. salvandole la vita

Una persona buona e generosa. Questo era Fabrizio Frizzi. E la storia di Valeria Favorito, la ragazzina di 11 a cui, nel 2000, il conduttore donò il midollo osseo salvandole la vita, è una di quelle storie che vale la pena raccontare, ancora una volta, per rendere omaggio ad un uomo dal cuore d’oro. “Ero andata a Roma qualche giorno fa per portargli di persona il mio invito di nozze, volevo che lui fosse il mio testimone”, ha rivelato all’Ansa.

C_2_articolo_3130545_upiImagepp

Valeria Favorito aveva 11 anni nel 2000 e aveva urgentemente bisogno di un trapianto di midollo osseo. Era malata di una grave forma di leucemia e la sua vita stava per spegnersi perché non c’era nessun donatore compatibile nella sua famiglia. Nel 1994 Frizzi aveva fatto un prelievo del sangue e si era iscritto nel registro dei donatori di midollo osseo. E adesso era giunto il momento, visto che il suo midollo era compatibile con quello della ragazzina veronese. Frizzi esitò inizialmente, visti i suoi tanti impegni di lavoro, ma poi accettò. A quel tempo Fabrizio stava girando una fiction infatti ed era anche alla conduzione di “Per tutta la vita”, con Romina Power. Quando il conduttore si assentò per il delicato intervento la Power disse: “Fabrizio oggi non c’è perché domenica scorsa ha fatto una cosa molto bella, una cosa importante per qualcuno”.

Per legge il donatore deve restare anonimo e per un po’ così fu, ma dopo anni Valeria è riuscita a trovare il suo “salvatore”. I due si sono prima scritti poi conosciuti, dopo che lei lo ha raggiato a Verona dove stava giocando una “Partita del Cuore”. Fabrizio e Valeria sono così diventati amici, anzi di più… Lui la chiamava “la mia sorellina di sangue”, lei il “mio fratellone”. Qualcosa di molto forte li lega e li legherà per sempre. Anche adesso che ad andarsene per primo è stato lui.

Valeria ha raccontato all’Ansa: “Ero andata a Roma qualche giorno fa per portargli di persona il mio invito di nozze, volevo che lui fosse il mio testimone. Mi disse: se le mie forze me lo consentiranno, oggi sto bene, domani non so”. “Ho perso un fratello – continua tra le lacrime – una persona a cui tenevo tantissimo”. La ragazza racconta di aver saputo che era stato Frizzi il suo donatore sentendoglielo riferire in televisione. “Dopo l’intervento – aggiunge – ci siamo visti un sacco di volte”.

Alfonso Signorini, il ritorno dopo la leucemia: “Ho avuto una relazione con Valeria Marini”

Alfonso Signorini e Valeria Marini“Ho avuto una relazione con Valeria Marini”.  Confessione a sorpresa per Alfonso Signorini che ha scelto gli studi di Domenica Live per tornare in tv, dopo il caso Madia, e soprattutto alla fine di una lotta contro la leucemia.
“Mi sono ammalato mentre conducevo Kalispera – spiega Signorini – partecipavo a vari programmi tv, dirigevo due giornali e assistevo mia madre in cura. La vita ti chiede sempre il conto. La malattia mi ha segnato molto, ora guardo la vita in modo diverso”.  Poi, lo scoop. “Ho avuto una relazione con la Marini. Non è stata la storia di una notte, ma una relazione di cinque/sei mesi. L’ho presentata a mia madre”.  La D’Urso chiede più dettagli, ma Signorini non concede altro. A confermare la relazione, però, è un contributo video dell’attrice.  “Alfonso, forse tu pensi a me solo per quel weekend – dice la Marini, creando confusione sull’effettiva durata della storia – ma, in realtà, tra noi c’è sempre stato qualcosa, lo sai…”.L’ultima parola spetta alla zia di Signorini, Ester, invitata in studio.  “Lui ha fatto l’amore con Valeria Marini!”, le dice la conduttrice. E la zia, per tutta risposta: “Cosa ne posso sapere io? Mica portavo la candela”.  Sulle donne di Signorini, così come sugli uomini, però, la zia ha una sua opinione poco lusinghiera: “Meglio soli che male accompagnati”.