Loretta Rossi Stuart e le foto hot rubate: «La mia battaglia per le donne dà i primi frutti»

Loretta Rossi Stuart, dopo la denuncia su Leggo.it, ha parlato della sua battaglia legale a Sabato Italiano. La sorella del noto attore posò per un servizio fotografico di nudo per la rivista Boss, ma dopo anni le foto sono finite online e Loretta, che ha avviato una causa, non solo l’ha persa ma ha rischiato di vedersi pignorare la casa per sostenere le spese legali.

loretta rossi stuart-foto-sabato italiano_05183615

Intervistata da Eleonora Daniele spiega: «Ho saputo l’esito della sentenza e dopo 3 giorni in cui sono stata paralizzata ho deciso che volevo combattere, ed è quallo che sto facendo». La donna sostiene che la sua è una battaglia che fa a nome di tutte le donne. «Da quando è uscito questo articolo su Leggo mi hanno contattato per sapere cosa sia successo e io ho parlato e voglio raccontare come sono andate le cose». Loretta spiega di essere stata in condizioni economiche difficili, così ha fatto quelle foto anche perché non erano solo foto di nudo, ma erano contestualizzate in un’intervista in cui emergeva anche la sua personalità.

La Daniele le chiede anche del rapporto con Kim, ma spiega di sapere che tra i due fratelli non c’è un buon rapporto, motivo per cui Loretta non si sofferma sull’argomento. Eleonora in conclusione le chiede cosa vuole dire alle donne che come lei si sono trovate, o potrebbero trovarsi, nella stessa situazione e lei replica dicendo che sta già avendo le sue prime piccole vittorie: «Posso annunciare che grazie a un mdc ci sarà una petizione per raccogliere esperienze e una maggiore tutela per tutte le donne».

Nina Moric contro la famiglia di Corona: “Da due anni senza vedere mio figlio”

“Per più di 2 anni mi sono nascosta, un po’ perché non vi nego che mi sono vergognata tanto, mi sono nascosta dietro un’ironia a volte eccessiva, mai sarei riuscita a parlare di questa storia, ma chiunque mi ha visto in questi ultimi anni si è accorto che qualcosa in me non andava”.

1489745871758.jpg--nina_moric

Comincia così il post di Nina Moric, con cui l’ex compagna di Fabrizio Corona lamenta di non vedere il figlio da due anni. In una intervista a Libero la showgirl, impegnata nella campagna elettorale per Casapound, si sfoga dopo un lungo silenzio e ne daà notizia sul suo profilo Facebook.
“Il coraggio di combattere ancora di più e senza più nascondermi, perché per un madre il figlio è ossigeno e senza ossigeno è dura” conclude la Moric.

“Il sesso aiuta a combattere i parassiti”: la ricerca di un biologo spagnolo

c2849Il sesso aiuta a combattere i parassiti? Stando ad uno studio condotto dal biologo spagnolo Juan José Soler, sì, ed è una caratteristica comune a tutti gli esseri viventi. 
Nel suo libro Parasitismo, Soler puntualizza che almeno il 60% delle specie conosciute in natura sono dei parassiti, e che nessun essere vivente può considerarsi del tutto libero da ‘ospiti indesiderati’. La zecca, ad esempio, consente la nutrizione a dei piccolissimi acari che, a loro volta, sono vittime di funghi e batteri.  La storia della natura, quindi, è una continua lotta tra esseri ospitanti e ospitati, un vero e proprio circolo vizioso che porta ad un continuo mutamento genetico, necessario per l’adattamento dell’uno all’altro. Tuttavia, i parassiti sono molto più avvantaggiati in quanto capaci di riprodursi con una facilità estremamente maggiore. Ed è proprio la riproduzione a favorire la variabilità genetica.
Gli animali e la maggior parte delle piante si riproducono sessualmente, anziché autoclonandosi, proprio perché la variabilità genetica consente a ciascuna specie un repertorio di risposte immunitarie più ampio contro i parassiti.  Oltre a riprodursi sessualmente, secondo Soler un altro modo per combattere i parassiti è l’accoppiamento con soggetti dalle difese immunitarie migliori. E la conferma arriverebbe dal pavone: il maschio più attraente per la femmina è quello con la coda più grande e colorata proprio perché indice di buona salute rispetto alle minacce parassitarie.