Allison Mack, la Chloe di Smallville, è a capo di una setta segreta a sfondo sessuale

Allison Mack, la Chloe di Smallville, sarebbe a capo di una setta segreta a sfondo sessuale. È l’accusa choc nei confronti dell’attrice che interpretava l’amica del giovanissimo Clark Kent nella serie tv che è andato in onda per 10 anni dal 2001 al 2011.

Allison Mack 1

Viso angelico, classica ragazza della porta accanto, avrebbe reclutato donne per farle diventare delle schiave sessuali. L’incredibile storia è stata riportata dai media britannici e la vedrebbero come uno dei membri più importanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”.
La storia è emersa dalle testimonianze di alcune di queste donne vittime della setta che, pentite, hanno rilasciato alla celebre testata la loro dichiarazione. Il Sun ha infine lanciato l’accusa pesante nei confronti della Mack sostenendo come lei fosse stata incaricata dal fondatore della setta Keitg Raniere di reclutare circa 25 ragazze per farne loro delle schiave del sesso.
Le vittime riceverebbero addirittura un marchio a fuoco sulla pelle con le iniziali del fondatore, costrette al digiuno, all’obbedienza nei confronti del loro padrone, a sottoporsi a prove di dolore e a consegnare foto e filmati personali in pose hot. E la bionda attrice di Smallville sarebbe passata da vittima a carnefica di tali oscenità e atrocità.

Ariana Grande sconvolta dopo l’attentato: “Vorrei pagare i funerali delle vittime”

Un giorno di terrore per tutto il mondo, l’attentato di Manchester ha riacceso una paura mai sopita sul terrorismo internazionale, ma in questo clima di dolore e spavento arriva un messaggio di solidarietà da parte di Ariana Grande, l’artista che si stava esibendo quando è avvenuta la deflagrazione.

ariana-grande-primo-piano

Ariana si è offerta di pagare i funerali delle vittime dell’attacco di Manchester. Secondo quanto si legge sul ‘Mirror’, la notizia è apparsa su un account social dedicato alla star pop 23enne, che a poche ore dalla strage si era detta “distrutta dal dolore”fino a decidere di sospendere il tour.

Attentanti Parigi, Madonna ricorda le vittime sul palco e scoppia in lacrime

Anche Madonna ha voluto esprimere la sua solidarietà alle vittime degli attentati di Parigi del 13 novembre. Nel corso del concerto di Stoccolma, sabato 14, la regina del pop ha dedicato un lungo discorso alla tragedia: “Vogliono zittirci, ma non lo permetteremo, ha detto la cantante, invitando il pubblico a osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime, prima di scoppiare in lacrime e intonare “Like a Prayer”.

C_4_foto_1413306_image

Un lungo e toccante discorso. Poi un silenzio irreale per omaggiare quanti sono morti e le loro famiglie. Madonna ha partecipato in lacrime al lutto internazionale per le stragi di Parigi, parlando agli oltre 40 mila fan accorsi nella capitale svedese per il suo show: “Questo spettacolo è una celebrazione della vita, del difendere i propri diritti e del lottare per ciò in cui si crede – ha esordito la regina del pop – E’ stato difficilissimo per me arrivare a questo punto senza pensare a ciò che è accaduto ieri notte. Devo prendermi un momento per parlare di quella tragedia. Le orribili uccisioni, gli assassinii e l’inutile fine di tante vite preziose a Parigi l’altra notte”.
“Ho pensato di cancellare lo show, ma poi mi sono detta perché farlo, perché permettere a queste persone di fermare me, di fermare tutti noi – ha spiegato Madonna – È esattamente quello che queste persone vogliono fare: vogliono metterci a tacere e noi non lo permetteremo”.
“Noi meritiamo di divertirci e nessuno nel mondo può impedircelo, nessuno può impedirci di fare quello che amiamo”, ha detto più avanti prima di concludere con un messaggio di pace. “Un altro punto che voglio sottolineare è che ci sono persone che non hanno rispetto per la vita umana. Non cambieremo il mondo in cui viviamo se non cambiamo prima noi stessi, se non iniziamo a farlo ogni giorno nel nostro piccolo. Non cambieremo il mondo eleggendo un nuovo presidente o uccidendo altre centinaia di persone – ha proseguito la cantante – Dobbiamo iniziare a trattare ogni essere umano con dignità e rispetto e questa è l’unica cosa che può cambiare il mondo. L’unica”.
“Solo l’amore cambierà il mondo. Ma amare in maniera incondizionata non è facile e anche amare quello che non capiamo, quello che ci sembra così diverso, ma dobbiamo farlo”, ha concluso.
Il video è stato immortalato dai fan con centinaia di telefonini e telecamere e poi pubblicato sul web.

Flavio Insinna vittima di stalking: spiato e perseguitato da una fan

Flavio Insinna vittima di stalking. L’attore e conduttore ha denunciato una telespettatrice per atti persecutori. La fan è stata iscritta nel registro degli indagati.

LGG_20121030_25237_01_00235099000005mLa donna, come riporta Repubblica, ha mandato a Insinna lettere, mail, messaggi su Facebook, scrivendo decine di missive alla Rai che hanno come destinatario sempre il conduttore.Sembra che la fan lo abbia seguito nei suoi spostamenti, arrivando ad appostarsi sotto casa. Non solo: anche i suoi familiari sono stati vittime delle attenzioni della donna, che sarebbe arrivata persino a spiare nelle case.

Veronica Maya, dal topless “rifatto” allo show per bambini: in tv con lo Zecchino D’Oro

20141111_83142_doppia_veronicaDal topless al programma per bambini, il passo è stato breve per Veronica Maya.  La bella conduttrice infatti, dopo aver mostrato il suo décolleté per un incidente durante un’esibizione a “Tale e quale show”, condotto da Carlo Conti, sarà al timone della 57esima edizione de “Lo Zecchino d’Oro” che andrà in onda su Rai1 dal 25 al 29 novembre 2014, in diretta dall’Antoniano di Bologna.Il topless infatti le ha si portato popolarità, dato che notizia e immagini hanno spopolato sulla rete, ma anche qualche problema vista anche la petizione dell’Associazione per la Tutela del Minore e delle vittime di violenza per rimuoverla dalla conduzione. Comunque Veronica ha subito capito che l’accadimento avrebbe provocato qualche intoppo: “Tutti pronti a malignare… – ha fatto sapere – l’ha fatto per gli ascolti … l’ha fatto per il visibilità. Ho 49 anni e 2 figli, sono 10 anni che faccio tv per famiglie bambini e tutto avevo bisogno tranne di questo tipo di incidente (…) Sono stata accusata sui social che sotto il vestito non indossassi nulla, in realtà indossavo una guaina e un corsetto cuciti insieme che però hanno ceduto. Mi reputo una professionista e sarei voluta uscire dall’esperienza di “Tale e Quale” senza questo tipo di pubblicità anche per l’età che ho, la famiglia che ho e per il rispetto del mio pubblico. Mi scuso soprattutto con loro e li aspetto Dal 25 al 29 novembre con lo Zecchino D’oro sempre su Rai Uno”.  Nonostante le polemiche la Maya sarà sul palco e mentre si sceglierà il bambino con la voce più bella, i più “anziani” probabilmente scorreranno nella memoria le immagini dell’increscioso incidente…

Maradona querela Gnocchi: “Vittima della droga, non accetto scherzi”

diego-armando-maradona«Io solo posso sapere che cosa significa essere vittime della droga e quali sacrifici siano necessari per uscire dalla tremenda schiavitù. Da oltre dieci anni io ne sono fuori e non permetto a nessuno di accostare il mio nome a quello dei narcotrafficanti, nemmeno per scherzo». Lo ha detto, secondo quanto riferisce il suo avvocato, Angelo Pisani, Diego Armando Maradona che stamani si è recato alla Procura di Napoli dove ha confermato la querela nei confronti di Gene Gnocchi che ha accostato il suo nome a quello dei narcotrafficanti colombiani del cartello di Medellin.  Una battuta pronunciata nel corso di una puntata de «Il Processo del lunedì» andata in onda lo scorso febbraio. Diego ha rivolto anche un appello ai giovani. «Dico a tutti voi che la droga è morte, è dolore, è un modo per arricchire la criminalità. Non cadete in questa trappola – ha affermato Maradona – perchè è bello vivere, è bello lo sport quando è sano, all’insegna della natura e della pace».