Morta Marina Ripa di Meana, testamento video con le ultime volontà

La notizia della morte di Marina Ripa di Meana è arrivata nel pomeriggio della vigilia dell’Epifania. Poche ore dopo, nell’edizione serale, il Tg5 ha diffuso un video testamento registrato pochi giorni prima della morte nella sua casa di Roma per Radio Radicale, dove si è spenta circondata dall’effetto dei suoi cari.

marina_ripa_di_meana_gay_tutti_promiscui-2

Marina Ripa di Meana ha affidato a Maria Antonietta Farina Coscioni le sue ultime volontà, e con lei ha scelto la sedazione palliativa profonda continuata.
Di seguito uno stralcio delle sue ultime volontà: «Dopo Natale le mie condizioni di salute sono precipitate. Il respiro, la parola, il mangiare, alzarmi: tutto, ormai, mi è difficile, mi procura dolore insopportabile: il tumore ormai si è impossessato del mio corpo. Ma non della mia mente, della mia coscienza. Ho chiamato Maria Antonietta Farina Coscioni, persona di cui mi fido e stimo per la sua storia personale, per comunicarle che il momento della fine è davvero giunto. Le ho chiesto di parlarle, lei è venuta. Le ho manifestato l’idea del suicidio assistito in Svizzera. Lei mi ha detto che potevo percorrere la via italiana delle cure palliative con la sedazione profonda. Io che ho viaggiato con la mente e con il corpo per tutta la mia vita, non sapevo, non conoscevo questa via».
«Ora so – prosegue Marina Ripa di Meana nel video testamento registrato qualche giorno fa – che non devo andare in Svizzera. Vorrei dirlo a quanti pensano che per liberarsi per sempre dal male si sia costretti ad andare in Svizzera, come io credevo di dover fare. È con Maria Antonietta Farina Coscioni che voglio lanciare questo messaggio, questo mio ultimo tratto: per dire che anche a casa propria, o in un ospedale, con un tumore, una persona deve sapere che può scegliere di tornare alla terra senza ulteriori e inutili sofferenze. Fallo sapere, Fatelo sapere».

“Michael Douglas ha di nuovo il cancro”

Non è finita la lotta contro il cancro per Michael Douglas. In Rete si fanno infatti sempre più insistenti le voci di nuovi problemi di salute per l’attore 72enne. E anche se il suo portavoce smentisce, i soliti beninformati insistono: la malattia starebbe degenerando in seguito al ritorno di quel male che lui stesso aveva detto di avere sconfitto nel 2011.

C_2_foto_250619_image

Douglas sarebbe stato addirittura visto alle Bermuda per aggiornare il suo testamento. Le isole sono un luogo da lui amato e dove vorrebbe che le sue ceneri fossero disperse dopo la morte. La prima diagnosi di tumore alla gola era arrivata nell’estate del 2010. All’epoca Douglas aveva parafrasato la famosa frase di Martin Luther King jr “I have a Dream” e aveva annunciato: “I have a cancer”. All’inizio del 2011 aveva invece detto di aver sconfitto il male dopo un ciclo di chemio e radioterapia.