Amber, 21 anni, vuole fare il pap-test, ma viene rifiutata perché troppo giovane. Poi il dramma

Amber Cliff, 21 anni, soffre di sanguinamenti intimi. Per questa ragione richiede il pap-test, ma le viene rifiutato perché troppo giovane. Poi il dramma. Accade a Sunderland, nel Regno Unito. Come riporta il sito Metro.co.uk, la ragazza avrebbe fatto tante richieste per fare l’accertamento, ma lo screening viene offerto solo alle donne di età superiore ai 25 anni.

ambraCliff_cancro_14120429

Dopo tre anni, la famiglia si rivolge a un privato e dall’esame emerge che la ragazza aveva un cancro al collo dell’utero da diversi anni. Nonostante le cure, Amber muore quattro anni dopo, all’età di 25 anni. Prima di morire, Amber si è laureata all’Università di Sunderland ed ha affrontato due cicli di chemioterapia e di radioterapia al Freeman Hospital, a Newcastle. Il fratello Josh ha dato vita a una campagna affinché l’età del test obbligatorio venga abbassata. Un portavoce per la salute pubblica in Inghilterra nel Nord Est, ha dichiarato: “Purtroppo, non siamo in grado di commentare su ogni singolo caso, ma si dovrebbe sempre consigliare ai pazienti di parlare con il loro medico di famiglia se si verifica uno dei sintomi preoccupanti”.

Femminilità e classe: Audrey Hepburn, la “più grande attrice della storia”

La più grande attrice della storia del cinema, questo il giudizio dell’American Film Institute. Stiamo parlando di Audrey Hepburn una delle poche artiste ad aver vinto Premio Oscar, Emmy, Grammy e Tony. Nata a Bruxelles il 4 maggio 1929 è morta in Svizzera, a Tolochenaz, il 20 gennaio 1993. Britannica ma cresciuta tra Belgio, Regno Unito e Paesi Bassi, ha trovato fortuna con cinema e teatro negli Stati Uniti.

Two For The Road

Nel corso della sua carriera lavorò con Billy Wilder, George Cukor e Blake Edwards, oltre che con attori del calibro di Gregory Peck, Humphrey Bogart, Gary Cooper, Cary Grant, Rex Harrison, William Holden e Peter O’Toole e divenne famosa grazie a ruoli come quello di Gigi in uno spettacolo teatrale tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice francese Colette; della Principessa Anna in Vacanze romane (1953), interpretazione che le valse l’Oscar come migliore attrice, di Holly Golightly in Colazione da Tiffany (1961) e di Eliza Doolittle nel film musicale My Fair Lady (1964). Altri importanti film cui prese parte sono Sabrina (1954), Sciarada (1963) e Come rubare un milione di dollari e vivere felici (1966).
Negli anni 70 e 80 apparve sempre meno per dedicarsi alla famiglia e alla filantropia. Nel 1988 fu nominata ambasciatrice Unicef e fino alla morte si dedicò al lavoro umanitario. E c’è anche l’Italia nella sua vita. Oltre al celebre Vacanze Romane, nel nostro Paese si è sposata e ha avuto anche un figlio, Luca, nato nel 1970. L’altro suo figlio, Sean, lo ebbe nel 1960 durante il matrimonio con Mel Ferrara. La maternità era un sogno che Audrey Hepburn cullava da sempre e durante la sua vita ha avuto numerosi aborti.
L’ultima parte della sua esistenza l’ha trascorsa in Svizzera facendo la spola con gli eventi umanitari mondiali che l’Unicef organizzava.

Veronica Maya: “Verdetto finale? Tutto chiarito, da giugno condurrò la mattina di RaiUno” Posted on 21 maggio 2014 veronica_maya_senoVeronica Maya si lascia alle spalle la delusione iniziale per essere stata sostituita, dopo sei anni, dalla conduzione di ‘Verdetto finale‘ su RaiUno. La stessa presentatrice lo ha dichiarato ai microfoni di Alex Achille su RadioChat.it. «È stata una scelta editoriale della Rai. Diciamo che dopo sei anni, interrompere da un giorno all’altro una conduzione giornaliera mi ha, inizialmente, un po’ destabilizzata lasciandomi perplessa. Dopo essermi incontrata con il direttore Giancarlo Leone, che dopo aver pubblicato un tweet con relativo selfie per ristabilire la verità mi ha spiegato le motivazioni di questa decisione, ho capito che dovevo riposarmi un po’ per ripartire con un nuovo programma estivo», ha spiegato Veronica. La Maya ora afferma di non avere alcun rimpianto per la sostituzione, anche perché in cantiere c’è un nuovo progetto: «Mi dispiace soltanto di aver lasciato una bellissima squadra Rai ed Endemol con la quale ho lavorato bene e per tanti anni. Da giugno, per tutta l’estate, condurrò nella fascia mattutina di Rai Uno, un nuovo programma, ‘Casa dolce casa‘, dove tratterò temi quotidiani della vita domestica. Useremo un linguaggio diverso per arrivare ai telespettatori, un misto fra conduzione e mini sit-com». Riguardo alla vita familiare, la Maya, si è confermata molto legata ai suoi figli Riccardo Filippo e Tancredi e al suo compagno Marco Moraci: «Tornare a lavorare a Roma, sarà sicuramente più impegnativo. Farò la pendolare, dormirò di meno e prenderò qualche treno in più ma non farò mai mancare la mia presenza al mio compagno e ai miei due splendidi bambini. La famiglia è tutto!». Share Pubblicato in gossip, spettacolo | Contrassegnato con casa dolce casa, chiarito, diva, giugno, gossip, mattina, news, notizie, rai, spettacoli, spettacolo, star, tv, uno, verdetto finale, veronica maya, vip | Lascia un commento Modifica Sheila, la prostituta più vecchia d’Inghilterra: ha 85 anni e si fa pagare 300 euro l’ora

20140519_70126_pro-182x300Lei si chiama Sheila Vogel-Coup ed è la prostituta più vecchia del Regno Unito, con ben 85 primavere sulle spalle. Il bello è che Sheila, nonostante l’età avanzata, ancora è in piena ‘attività’ e ha una tariffa di 300 euro l’ora: niente male davvero.La ‘nonnaescort‘ ha iniziato la sua professione solo 4 anni fa, quando, presa dalla solitudine, dopo la morte del suo secondo marito, l’ingegnere aeronautico Noel Coupe ha cercato la compagnia di molti, moltissimi uomini per colmare il suo ‘vuoto’. La sua famiglia non l’ha presa benissimo, in particola modo sua nipote, la concorrente di X Factor, Katie Waissel.  “Non credo che potrò mai smettere di fare questo lavoro – commenta Sheila Vogel-Coup – I miei clienti, fortunatamente tanti, vedono qualcosa di positivo in me ed è davvero una bellissima sensazione. So di essere sexy, molto sexy. La ragione principale per la quale ho iniziato questa professione è che io amo il sesso, anche solo pensarci mi fa sentire meglio. Non ho inibizioni e mi piace la compagnia di gentiluomini“.