I look del mese: cos’hanno indossato le star?

E’ difficile restare costantemente aggiornati su tutte le proposte fashion delle star. Dai red carpet allo street style, ogni giorno veniamo invasi da immagini di vestiti e accessori da celeb.

C_2_box_33454_upiFoto1F

Sorridenti sul tappeto rosso, ammiccanti nei selfie e inconsapevoli (forse) negli scatti rubati, le stelle spaziano dagli outfit più eleganti alle proposte più improbabili.
E’ il Festival di Cannes l’evento più importante del mese, che ha visto sfilare orde di bellissime, decisamente poco vestite. E’ Tina Kunakey la più sexy della Croisette, tra la folta chioma e gli abiti rivelatori. Ma anche Sara Sampaio romantica in azzurro, Hailey Baldwin col minidress oro e Sveva Alviti casual-chic fanno un bellissima figura.
Sul fronte italiano è un tripudio di sensualità. A Selfie Belen Rodriguez copre il lato A di fiori ma svela le gambe mentre Anna Tantangelo punta tutto sul décolleté. Guendalina Canessa fa benzina nella notte con un lungo vestito fantasia e Alessandra Mastronardi è impeccabile nell’abitino bianco dallo scollo profondo.
La più elegante di casa Nara-Icardi è sicuramente la piccola Francesca Icardi che, a soli due anni, ha un guardaroba firmatissimo. Per rimanere in tema baby, prima dell’annuncio della gravidanza, Melita Toniolo celava il pancino tra tulle e pizzi neri. Ecco il meglio e il peggio dei look di maggio.

Veronica Maya lascia la Rai dopo 10 anni: “Ecco perchè sono andata via”

Il passaggio di Veronica Maya è ormai definitivo e la conduttrice ha lasciato la Rai per trasferirsi nell’ormai celebre tv albanese Agon Channel, di Francesco Becchetti. Dopo 10 anni di permanenza, la Maya commenta così il suo addio: “Non è stata una matrigna – ha dichiarato a “Tvblog” – sarebbe irriconoscente. Ho sempre avuto un bel trattamento in Rai in questi dieci anni, io sono cresciuta con loro ed è a loro che devo la mia popolarità.

Veronica_Maya_Diva_E_Donna_n_38_2008_01

Mi hanno cresciuta, allevata, nutrita, fatta maturare ma, nel momento di massima maturità o popolarità, la delusione è stata non ricevere proposte. Io ho aspettato con fiducia l’idea o il programma giusto, ci sono sempre state trattative rimaste solo parole che non si sono concluse. Ho aspettato fino alla fine e mi sono comportata in maniera corretta. Però, poi, se la proposta non arriva, non si può stare ad aspettare all’infinito. Forse non ritenevano più indispensabile la mia presenza, non so cosa dire, perché a parole sono sempre stati carini. Mi dicevano ‘sei nostra’, ‘sei una risorsa’ e questo mi confortava. Le proposte concrete, però, non arrivavano. Così Becchetti è arrivato nel momento in cui mi sarei rimboccata le maniche per trovare una collocazione. Non mi ha dato neppure il tempo di preoccuparmi di restare disoccupata e mi ha coinvolta con il suo entusiasmo. La sua comunicazione è talmente efficace che è impossibile dirgli di no, ci sa fare”.