Matteo Salvini ed Elisa Isoardi mano nella mano a Cortina

Pace fatta, l’amore ha vinto. Matteo Salvini ed Elisa Isoardi di nuovo insieme. Il politico e la conduttrice tv a Cortina mano nella mano e vestiti uguali in jeans e camicia bianca. Tanti sorrisi e tanto feeling anche davanti ai flash impazziti. La bufera che li ha travolti a inizio luglio è un lontanissimo ricordo.

C_2_articolo_3088073_upiImagepp (1)

Salvini era a Cortina D’Ampezzo per la presentazione del suo libro. La Isoardi aveva appena cinguettato dal mare con amici. Ma poche ore dopo è comparsa in montagna ad applaudire il politico e a guardarlo emozionata mentre parlava. Lui le rivolge lo sguardo e accenna a una dedica: “Questo lavoro mi porta via tanto tempo… mi porta via dai miei figli… Gli impegni mi portano via anche da lei ma non voglio parlare di gossip” dice indicandola con lo sguardo. Poi vanno via insieme mano nella mano. Entrambi in jeans e camicia bianca. La sintonia è palpabile, anche nel look.

Lena Dunham, topless per la libertà prima del red carpet del Golden Globe

Un topless “politico” per Lena Dunham. L’attrice newyorkese protagonista della serie tv Girls si è lasciata immortalare dall’amica Jenni Konner a seno nudo ma con i capezzoli coperti prima del red carpet del Golden Globe.

C_4_foto_1273370_imageUn modo per evitare spiacevoli inconvenienti davanti ai fotografi, ma anche un gesto per rilanciare la campagna Free The Nipple, come sottolineato dalla didascalia allo scatto postato su Instagram. Silicone sui capezzoli e aria di sfida, la Dunham ha deciso di strizzare l’occhio all’obiettivo – e non solo – per sostenere il movimento femminista che lotta contro la criminalizzazione del nudo in pubblico e sui social network da parte dei media e delle autorità. Free The Nipple ha avuto grande seguito a partire da un anno fa e combatte perchè le donne americane abbiano la libertà di mostrarsi in topless, cosa illegale in 35 Stati del Paese. Allattare un neonato in pubblico, in Stati come la Lousiana può costare addirittura 3 anni di carcere. Prima della Dunham, altre celebrities hanno abbracciato la causa, da Miley Cyrus a Liv Tyler.
A fare scalpore è il tempismo della creatrice di Girls, che dopo aver annunciato di aver cancellato il proprio profilo Twitter per feedback troppo negativi, si affida a Instagram per perorare le sue battaglie da femminista convinta. Abituata a mostrarsi in rete senza trucco, la Dunham ora ha fatto di più aprendo camerino e vestaglia prima di un red carpet prestigioso come quello del Golden Globe, per il quale l’attrice era in corsa con due nomination.

Il politico si chiede su twitter: perché mia moglie ha molti più follower di me?

20140608_71487_untitlrrred-copyC’è un politico che ha postato un tweet di recente. Non mi spiego perché mia moglie ha molti più follower di me. Il dilemma ha suscitato ilarità nel mondo del gossip.   Il fatto è che la moglie del politico in questione è abituata a postare molti “selfie” via twitter e (quasi) in tutti mette in mostra il suo generoso decolleté.La coppia risiede in Gran Bretagna, lui è il laburista Simon Danczuk 48 anni, lei si chiama Karen e di anni ne ha 31. Ovviamente la domanda sul numero di follower era ironica…

Signorini e la polemica su Veronica Lario: “Il mio è soltanto un giornale di gossip”

Alfonso-Signorini_h_partbDirettore Signorini, si sente offeso dalle accuse di Veronica Lario?
«Ma figuriamoci. Appena ho letto la sua intervista, mi sono fatto una risata. Con tutti i problemi che l’Italia ha, diventa un problema politico nazionale la cellulite di Veronica Lario, come vedo dal dibattito che si sta scatenando? Che dei suoi chili in più se occupi Chi è normale. Noi siamo un giornale di gossip e di notizie così, e la notizia del suo ingrassamento è una notizia, quindi la diamo. Ma i politici e gli intellettuali dovrebbero occuparsi di cose ben più gravi». 

Però Chi, con Veronica, è un martello. Non crede di esagerare?
«Trattiamo l’ex moglie di Berlusconi esattamente come facciamo con tutti gli altri: attrici, attori, personaggi della politica e altri vip. Della pancia di Renzi abbiamo parlato per primi noi. Abbiamo pubblicato il topless di Marina Berlusconi, la mia editrice, senza che lei ne sapesse niente e mi sono preso una lavata di capo. Se dirigessi l’Herald Tribune, non mi occuperei della cellulite di Veronica Lario o delle maniglie dell’amore del premier. Ma su Chi sono queste le cose che devono esserci. Mica ci occupiamo di politica». 

Invece ve ne occupate eccome. Sempre a favore di Berlusconi.
«Non mi pare affatto. Berlusconi di tutte queste cose se ne infischia». 

Cioè non si complimenta o non si lamenta se vi occupate di qualcuno? E’ difficile crederlo.
«E’ proprio così. Secondo lei adesso Berlusconi si occupa delle lagne di Veronica o si interessa alle foto del suo ingrassamento? Ha questioni più importanti da risolvere». 

Ma l’accanimento su Veronica c’è. Perche non lo ammette?
«Parliamo di lei meno che di altri. E comunque, è un personaggio pubblico. Se ogni settimana mi occupo di Valeria Marini o di Belen, tutti a dire, giustamente: è gossip! Se invece, ogni tanto, ci soffermiamo su Veronica Lario invece si grida allo scandalo: è persecuzione! E lei fa la vittima. Mentre Renzi, visto che sempre di pance stiamo parlando, è stato più sportivo. Non fa la lagna. La signora invece è troppo suscettibile». 

Non dovrebbe esserlo, considerando come la maltrattate?
«Dovrebbe starsene tranquilla. Io sarei più rilassato se, come lei, avessi un ex marito che mi dà 47.000 euro al giorno». 

Ma Veronica fa un discorso serio. Questo: che modello si dà alle sedicenni, se si demonizza l’ingrassamento di una donna?
«La signora Lario, quando era molto giovane, ha posato per alcuni servizi che non rappresentavano un buon modello nè per le sedicenni di allora nè per quelle di oggi. E poi, a lei che parla di modelli, vorrei chiedere: ritiene di essere un buon esempio, per il nostro Paese in crisi e con molti italiani ridotti quasi alla fame, a vivere con i 47.000 euro quotidiani di Berlusconi?». 

Dica la verità, voi cercate il fidanzato di Veronica ma non riuscite proprio a trovarlo e allora vi attaccate a tutto.
«Non stiamo cercando nessun fidanzato. Guardiamo quello che ci arriva. E se ci piace, lo pubblichiamo». 

Veronica a cavallo? Veronica con i nipotini?
«Ci tocca mettere questa roba qui. Una noia mortale, ma è quello che c’è. Io preferirei Veronica Lario che balla sui tavoli a Saint Tropez». 

La massacrereste.
«Non è vero affatto. E’ una donna libera e può rifarsi la vita che vuole». 

La corazzata del berlusconismo di guerra, sia pure in rosa, non le perdonerebbe questo e non le perdona niente.
«Ma come glielo devo dire che non è così? Io so solo che mi diverto e continuerò a divertirmi. Con tutto e con chiunque. Anche con la cellulite di Veronica Lario».