Caterina Balivo e la rivalità con Serena Rossi: “Ecco cosa penso di lei…”

ROMA – A un mese e mezzo dal parto, Caterina Balivo torna al timone di “Detto Fatto”. Ottimi ascolti per il suo rientro, ma anche qualche polemica. Diversi fan sui social si sarebbero lamentati del fatto che la conduttrice napoletana, tornata in studio, non avrebbe ringraziato a sufficienza la sostituta Serena Rossi, che ha condotto la trasmissione fino alla scorsa settimana.

3278420_1916_collage_2017_10_03_1_ (1)E così in tanti avrebbero cominciato a chiedersi se tra le due prime donne di “Detto Fatto” non ci sia rivalità. A sciogliere il dubbio, ci ha pensato Caterina che in un’intervista svela la verità sul suo rapporto con l’attrice.
Come riporta LadyBlitz, ecco le parole di Caterina, neomamma di Cora: “Volevo un’attrice che potesse interpretare la mia conduzione e ha funzionato”. E per la “reggente” ci sarebbero parole d’elogio: “Detto fatto non mi è mancato, ho fatto l’ultima riunione il 10 agosto e ho seguito da casa come autrice le prime 15 puntate, facendo il tifo per Serena. La partenza è stata molto buona, ci siamo ripresi subito, se arriva una persona nuova, come dice mia madre, devi essere ancora più ospitale e le autrici sono state bravissime a non far sentire Serena spaesata”.
Nel frattempo, Serena Rossi è stata “promossa” alla prima serata di Raiuno. Insomma, nessuna rivalità tra le due? Staremo a vedere…

Alba Parietti e il ‘trombamico’, arriva la confessione bollente

alba_parietti_pensa_alla_vita_politica-0-0-209553Sta scatenando una polemica infinita, in effetti, l’intervista rilasciata a Il giorno da Alba Parietti, dove ha affrontato un argomento in continua evoluzione, come il rapporto uomo-donna e non si è tirata indietro quando è stata chiamata a parlare di sesso e a dare il suo personale punto di vista. Diretta e senza peli sulla lingua, la showgirl rivela le sue abitudini sotto le lenzuola. E non finisce qui: la nota showgirl parla anche del sexting, cioè mandare foto o sms spinti.

“Le stanno male”: Giulia De Lellis si mostra in topless e scoppia la polemica

FUNWEEK – Fisico da capogiro, pelle abbronzata e sorriso smagliante: Giulia De Lellis pubblica una foto super hot in topless. C’è però chi non gradisce lo scatto: al centro della polemica il seno della fidanzata di Andrea Damante.

2562126_8_20170714085351 (1)

L’influencer di moda e make up si è fatta immortalare in una posa osé che la vede sorridente tra gli scogli, con una mano sul prosperoso seno e un micro slip nero che copre le parti intime. Vedere Giulia De Lellis in topless ha scatenato la furia dei più severi detrattori – spesso sono le stesse ragazze a sparare veleno sull’ex corteggiatrice – che non hanno digerito la storia dell’intervento al seno. Ricapitolando brevemente, Gulia ha deciso di farsi ingrandire il decolleté e la misura è stata scelta da Andrea, ma è eccessiva secondo tante utenti che l’hanno bersagliata pesantemente.

Temptation Island, Antonella Fiordelisi è una seduttrice dalla stoccata vincente

C’è un volto noto tra le seduttrici di “Temptation Island”. E’ quello di Antonella Fiordelisi, 19enne salernitana, schermitrice.

C_2_fotogallery_3080271_7_image

Qualche mese fa è salita agli onori delle cronache per aver rivelato via social che l’attaccante della Juventus, Gonzalo Higuain, le aveva chiesto una foto del lato B. Polemica poi rientrata con la spiegazione che si trattava di una conversazione scherzosa. Sull’isola Antonella ha già attirato l’attenzione di Nicola: chissà con quale tipo di dote…?

Emma, polemica social dopo foto hot: “Io truzza e camionista? Si vergogni”

Non è nuova alle polemiche social, Emma. La cantante, si sa, non le manda di certo a dire e dopo l’ultima provocazione di alcuni follower ha deciso di rispondere alla sua maniera, personalmente, e senza filtri. La querelle è nata dopo le foto “piccanti” pubblicate su Instagram dall’artista in cui appare senza veli in una vasca da bagno.

C_2_fotogallery_3012824_2_image (1) Apriti cielo.
La Marrone, bellissima e sensuale, posa per una nota casa di cosmesi internazionale. Ma proprio sui social, tra centinaia e centinaia di complimenti, sono piovute anche le critiche. E insulti. C’è chi l’ha apostrofata come “truzza” e “camionista”.
Bene, Emma non ha resistito e ha scelto di replicare a un commento in particolare, dopo aver “indagato” sulla follower: “Complimenti signora. Vedo che ha anche dei figli, ottimo esempio! Insultare una ragazza, prima che un’artista, che ha semplicemente svolto il suo lavoro con orgoglio e con impegno! Quindi degli altri insulti delle ragazzine non mi stupisco. Io sarò anche truzza, camionista… ma voi siete lo specchio di una società cattiva, maleducata e infelice”.

Instagram censura l’hashtag #Curvy e accetta #anorexia: scoppia la polemica

Le modelle sopra la taglia 46 sono ormai accettate sulle passerelle di tutto il mondo e mostrano con orgoglio i loro chili di troppo. Sui social network però questa realtà non è stata ancora sdoganata completamente. Su Instagram l’hashtag #curvy, infatti, è stato censurato.

Una-top-model-da-90-kg-per-la-Pirelli-67dd3314d110410088b3247c9e356b72

Nessun problema invece per gli hashtag #thin, #skinny e addirittura #anorexia.
Il termine significa formosa, curvilinea. Da Candice Huffine a Tess Hollyday: sono molte le modelle diventate delle celebrità. La scelta di censurare l’hastag e di sostituirlo con le alternative #curvygirl, #curvyfashion e #curvywomen, ha destato qualche polemica. Un portavoce di Instagram avrebbe spiegato a Buzzfeed che la decisione è stata presa perché troppe persone lo utilizzavano per condividere foto osé in contrasto con la politica sulla nudità del social.
Un utente ha lanciato la sfida a Instagram: “Usiamo tutti l’hashtag#curvyisnotacrime per far capire che essere in carne non è un crimine”.

Romina Power si arrabbia in diretta radio: “Basta domande su Al Bano”, poi riattacca

Tutto è accaduto in diretta su Radio2, nel programma ‘Un giorno da pecora’. Romina Power si è arrabbiata con i conduttori della trasmissione per averle rivolto alcune domande personali riguardanti il suo rapporto con l’ex marito Al Bano e, scocciata, ha deciso di riattaccare il telefono, lasciando tutti nello sgomento più totale.

UpkPfA5XLjhXpkNgsocBxj3HHqTB1vTlYT7wmFROLDE=--

“Altre domande che non riguardano Al Bano non ne avete? – ha detto Romina Power in diretta radio – Io non capisco perché tutti mi vogliono intervistare quando poi sanno che non rispondo a certe domande – ha concluso – Lo so che mi deriderete alle spalle. Tutti voglio ridere addosso ad Al Bano e Romina, e lo so che quando chiuderò il telefono ci riderete alle spalle. Fatevela da soli l’intervista”.  A quel punto la Power ha deciso di riattaccare il telefono. Una reazione un po’ troppo esagerata.

“Gli uomini? Idioti in confronto alle donne”. Lo studio che fa esplodere la polemica

La polemica su uno studio che vuole dimostrare la presunta idiozia degli uomini, già noto come Mit (Male idiot theory), ha già varcato i confini del Regno Unito. Secondo i ricercatori che hanno pubblicato la loro teoria sul British Medical Journal, infatti, gli uomini sarebbero idioti in confronto alle donne e lo dimostrerebbero i loro comportamenti.

uomo-stupidoIl team di ricercatori britannici si è basato infatti sulle statistiche riguardanti le candidature ed i premi dei Darwin Awards, divertente competizione ideata dalla biologa molecolare Wendy Northcutt. Con questi premi, ogni anno, vengono eletti coloro che muoiono nei modi più stupidi, e che secondo gli organizzatori contribuiscono a migliorare l’umanità grazie alla selezione naturale. L’88% dei vincitori, negli anni, sono uomini. Secondo chi ha pubblicato lo studio, questo dimostra come, rispetto alle donne, gli uomini siano capaci di fare azioni stupide, pericolose e inutili, senza rifletterci abbastanza su. La polemica sessista, però, non ha tardato a esplodere: sotto accusa ci sarebbero infatti le donne presenti sia nella giuria dei Darwin Awards, sia nel team che ha pubblicato lo studio. In entrambi casi c’è una forte prevalenza della componente femminile.

Barbara D’Urso svela il suo chachet: “Guadagno pochissimo, meno di 500mila euro all’anno”

gur_6655

“Guadagno pochissimo, esattamente circa dieci volte meno di quanto vi possiate immaginare. Mezzo milione, dici? No, meno, molto meno. Più tutte le tasse che pago regolarmente e di cui vado orgogliosissima, insomma…fate un po’ i conti.”. Lo ha affermato Barbara D’Urso durante un’intervista concessa a La Zanzara.  La showgirl, divenuta uno dei volti leader di Mediaset, ha risposte alle domande relative al suo cachet, negando di guadagnare cifre folli. Oltretutto ha puntualizzato con fermezza la sua applicazione scrupolosa al dovere di cittadina nei confronti del Fisco. “Ogni tanto Equitalia mi fa i controlli come a tutti – spiega la D’Urso – e trovano sempre tutto in ordine, si complimentano per la mia affidabilità”.  Poi risponde con ironia alla polemica con il rapper e giudice di ‘X Factor’ Fedez, che aveva dichiarato che non avrebbe mai partecipato ad una sua trasmissione. “Sì, anche io non andrei mai in vacanza con Brad Pitt – scherza la conduttrice televisiva – peccato che non me l’ha chiesto! Non voglio commentare oltre, però. Queste cose nascono perché uno spera nella risposta per finire sui giornali. Comunque guarda, me ne farò una ragione – conclude – Quando mi verrà in mente di invitarlo, mi ricorderò che non vuole venire”.

“Foto porno a nome mio”, la modella argentina Belen Rodriguez fa causa a Google e Yahoo

Maria-Belen-Rodriguez-Ahora-TENDENCIA_CLAIMA20140521_0025_27-300x169In Argentina è scoppiata la polemica dopo che Maria Belen Rodriguez, celebre modella sudamericana e omonima della nostra soubrette, ha deciso di fare causa ai colossi dei motori di ricerca Google e Yahoo.   Il motivo? Sente che la sua immagine sia fortemente danneggiata, perchè se si scrive il suo nome e cognome nel motore di ricerca, i risultati sono collegati quasi esclusivamente a foto hot e siti porno, immagini, dunque, non collegate alla sua carriera.  “Hanno rovinato la mia vita e dover spiegare tutti i giorni che non sono una prostituta è diventato davvero difficile”, commenta la modella in un servizio sulla CNN.  Tutto è iniziato nel 2006, mentre nel 2010 il caso è stato chiuso, con i giudici che hanno stabilito una somma di risarcimento che i due motori di ricerca hanno dovuto sborsare: 6200 dollari, poco meno di 5.000 dollari. Ora però il caso è arrivato alla Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, che dovrà dire la sua sulla vicenda nelle prossime settimane.

Share