Sandra Milo, a 84 anni ardite trasparenze in strada…

Osa con sexy trasparenze e un reggiseno rosso fuoco abbinato al suo vistoso rossetto. Sandra Milo, musa di Fellini, a 84 anni, gioca con un outfit audace in una calda serata romana.

C_2_fotogallery_3012448_2_image

Attrice e conduttrice televisiva dalla bellezza straordinaria, Sandra continua a sorprendere con un look eccentrico degno di nota. Ad un evento mondano nella capitale, la Milo si è presentata con un pantaloni in raso neri, reggiseno rosso e una maglia super trasparente. Tacchi e trucco impeccabile hanno fatto il resto. Donna schietta e indipendente, solo pochi mesi fa ha affermato sulle pagine di Vanity Fair: “Sto molto bene con me. Oddio, il rapporto con me stessa lo curo. Cerco di non fare cose di cui vergognarmi, meschine. L’autostima è importante. E poi mi creo una serie di regole di vita”.

Beyoncé, scatti sexy senza intimo

Beyoncé regala nuovi scatti sexy, stavolta in uno shooting per Vogue USA, che la elegge a nuova musa del pop mondiale e le dedica la copertina di settembre.

C_4_foto_1373780_image

Fotografata dal celebre Mario Testino, la popstar è bella e sensuale, soprattutto in uno scatto in cui posa con i capelli bagnati e un abito semi-trasparente che svela l’assenza di biancheria intima. La cover story è firmata dal premio Pulitzer per il giornalismo di critica Margo Jefferson, che ritiene Beyoncé la nuova regina della musica, capace non solo di essere cantante da milioni di copie vendute, ma artista a tutto tondo e ispirazione per la società contemporanea come solo Madonna, Janis Joplin e altre icone hanno saputo fare prima di lei, mixando musica, stile, moda e impegno sociale. A riconoscere alla cantante questo ruolo di musa ci sono anche diversi stilisti, da Stella McCartney a Riccardo Tisci, passando per Marc Jacobs. La Jefferson ha raccolto le loro opinioni. Sono tutti concordi: Beyoncé è una diva.

Brigitte Bardot e Dio creò la donna: gli 80 anni di un sex symbol

C_4_articolo_2063688__ImageGallery__imageGalleryItem_19_imageBrigitte Bardot, ex icona sexy del cinema francese e fervente animalista, compie 80 anni. Bella e ribelle, il mito di B.B. nacque nel 1956 con il film scandalo di Roger Vadim “E Dio creò la donna”, in cui ballava scalza un sensuale mambo. Ne seguirono una cinquantina tra cui “Il dispezzo” di Jean-Luc Godard e “La ragazza del peccato” di Claude Autant-Lara. Tra i suoi rimpianti, non aver girato con Fellini e Bergman.B.B. fu la musa di grandi artisti come Andy Warhol e il fotografo Richard Avedon, ricevendo anche il titolo di “Marianna” di Francia. Grazie al suo stile inconfondibile negli anni dettò mode e tendenze, piegando alla sua eleganza anche l’etichetta delle istituzioni. Fu infatti la sola donna dell’epoca, nel 1967, ad essere ricevuta in pantaloni all’Eliseo dal generale Charles-de-Gaulle.La sua vita sentimentale fu movimentata e la Bardot si destreggiò tra numerose passioni. Tra questi figurano i flirt con l’attore Jean-Louis Trintignant, il cantautore Serge Gainsbourg e il chitarrista Jimi Hendrix. Nel suo plamares amoroso anche quattro mariti: il regista Roger Vadim, l’attore Jacques Charrier (da cui ha avuto il suo unico figlio, Nicolas-Jacques Charrier), il ricco playboy tedesco Gunter Sachs e il politico di estrema destra Bernard d’Ormale.
Nel 1973, B.B. lasciò definitivamente il cinema, per dedicarsi alla sua fondazione in difesa degli animali, vicino a Saint Tropez. “Ho dato la mia giovinezza e la mia bellezza agli uomini – ha spiegato in una delle ormai rare interviste e apparizioni in pubblico – Riservo ora la mia saggezza e la mia esperienza, il meglio di me stessa, agli animali”.

Nuovo disco per Tori Amos: “Torno me stessa al piano, mia figlia è la mia musa”

tori+amos“Unrepentant Geraldines”, il nuovo disco, un tour mondiale di 80 date (lunedì sarà all’Auditorium di Roma, martedì al teatro Nazionale di Milano e mercoledì al Geox di Padova). Una nuova vita?
«Devo competere con un mercato discografico in cui se sei uomo non importa quanti anni hai, se sei donna, devi avere al massimo 30 anni, altrimenti sei una nonnina sul palco». 
A proposito, come si sente nel suo 50° anno di vita?
«Un giorno mia figlia Tash mi ha guardato negli occhi e mi ha detto che avrei dovuto finirla di lamentarmi e continuare a essere me stessa anche se gli anni trascorrono. Ero in un momento di crisi, l’ansia dei 50 non è una cosa semplice da affrontare».  Con sua figlia che rapporto ha?
«È la mia musa, non solo mi sono ispirata a lei per un personaggio del musical The Light Princess, ma le ho voluto dedicare una canzone anche in questo disco».  Il disco è dedicato all’amore, all’arte, alla pittura…
«Dopo aver destinato tre dischi alla musica folclorica, aver esplorato la musica classica degli ultimi 400 anni, e aver realizzato il musical The Light Princess con il London’s National Theatre, mi sono resa conto di aver imparato a trasformarmi, così ho capito che avrei potuto donare storie nuove ad altre già esistenti. Alla pittura ho dedicato diverse canzoni, come 16 Shades of Blue. Ho letto che Cezanne per realizzare L’orologio nero utilizzò 16 differenti tonalità di colore. Per la musica è lo stesso, ogni nota ha delle sfumature a seconda di chi la suona».  Per rilassarsi cosa fa?
«Parlo con le donne, soprattutto con quelle che hanno bisogno di aiuto. E più lo faccio, più mi rendo conto di quanto siamo in grado di integrare la nostra parte più spirituale a quella passionale. Siamo forti, fortissime, ma non dobbiamo mai essere lasciate sole».
La sua associazione è ancora attiva?
«Certo, con la mia associazione RAINN accolgo le donne dell’America latina che subiscono violenze. Troppe donne di comunità spagnole negli Stati Uniti subiscono violenze familiari sottaciute».  In tour come si presenterà?
«Da sola con il mio pianoforte, è un ritorno alle origini, la vita è composta di cicli, questo nuova età mi ispira molto ora che ho passato le ansie iniziali».

Tra Uma Thurman e Quentin Tarantino sarebbe amore vero, il gossip di Us Weekly

12Tra Uma Thurman e Quentin Tarantino è scoppiato l’amore. ​A 20 anni dall’uscita di Pulp Fiction, primo film nel quale il regista sceglie l’attrice – destinata poi a diventare la sua musa – come protagonista, il sodalizio professionale tra i due sarebbe diventato anche sentimentale. 
L’indiscrezione è stata pubblicata sull’autorevole giornale di gossip Us Weekly. Secondo il sito i due avrebbero trasformato un semplice flirt in un rapporto d’amore vero. Secondo una fonte la coppia avrebbe passato insieme il periodo del festival di Cannes affittando per il periodo una villa.
«Tra loro c’è un rapporto che negli ultimi tempi ha tratto nuova forza – spiega la fonte – Lui è stata innamorato di lei per anni.