A “Verissimo” ospite Gigi DʼAlessio: “Con Anna va tutto bene”

Non è finita tra Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo. A confermarlo lo stesso cantautore, ospite a “Verissimo” sabato 27 gennaio. “Con Anna va tutto bene. Lei è sempre stata una compagna ideale”. Intervistato da Silvia Toffanin, Gigi mette fine alle voci su una presunta rottura con la compagna: “In tutte le case può succedere che si litighi o si discuta e magari uno dica: stiamo un attimo distanti, per cercare anche di capire”.

C_2_articolo_3119701_upiImagepp

“Io e Anna – prosegue – siamo insieme da 12 anni, non da un giorno. A me fanno male tutte queste cattiverie che le addossano. Non è vero assolutamente nulla. Sono le crisi che possono succedere a tutti”. E a Silvia Toffanin, che lo incalza chiedendogli se quindi ci sia stata una crisi, risponde: “Stiamo bene. La verità è che a volte, stare un po’ distanti fa bene all’amore”.

In studio anche Stefano Accorsi e Kasia Smutniak, protagonisti del nuovo film di Luciano Ligabue “Made in Italy”. Per la prima volta insieme, un trio imperdibile formato dall’ex campione di ciclismo Francesco Moser, suo figlio Ignazio Moser e la fidanzata, conosciuta nella casa di “GF Vip”, Cecilia Rodriguez.

Inoltre, ampio spazio a “L’Isola dei Famosi” con in studio la super opinionista Mara Venier e in collegamento dall’Honduras il nuovo inviato Stefano De Martino.

Ospite del talk show anche l’attrice Greta Scarano, personaggio principale del terzo film tv “La scorta di Borsellino – Emanuela Loi”, del ciclo Liberi Sognatori. Infine, Fabio Rovazzi parlerà del suo debutto come attore nel film “Il Vegetale”.

Kasia Smutniak, bikini al sole con Domenico Procacci

Gli sport estremi sono la sua passione e insieme al compagno Domenico Procacci la bellissima Kasia Smutniak si dedica al kitesurf in Salento davanti allo sguardo di Leone, il loro bambino. In pausa dalle riprese di “Made in Italy”, di Luciano Ligabue, l’attrice con un bikini nero sfoggia una linea invidiabile mentre si rilassa al sole sdraiata sulla sabbia.

C_2_articolo_3085265_upiImagepp (1)

Lontana dalle solite località marittime battute dai vip, Kasia sempre molto riservata, trascorre le sue vacanze a Vernole in provincia di Lecce, con la famiglia. L’attrice e il produttore cinematografico, insieme da sei anni ed entrambi super sportivi, approfittano di una giornata di vento per praticare il kitesurf: Domenico, 57 anni, con una mezza muta mentre la Smutniak, 37 anni, indossa quella integrale, con tanto di guanti e cappello per ripararsi. Cavalcate le onde con eleganza, l’attrice torna a riva dove si dedica completamente al figlio Leone, di due anni, e alla tintarella mostrando curve sexy e il suo tatuaggio sul fianco.
Estranea al mondo social, Kasia compare sull’Instagram di Stefano Accorsi in un selfie di coppia. Alias Sara e Riko, i due attori sono i protagonisti della pellicola diretta da Luciano Ligabue “Made in Italy” girata in Emilia Romagna.

Kasia Smutniak col pancione, controlli e spese insieme alla famiglia allargata

20140418_67732_scansione0064A Sanremo Kasia Smutniak, presentandosi sul palco col pancino, ha praticamente annunciato di aspettare un figlio dall’attuale compagno, il produttore Domenico Procacci. La coppia è stata sorpresa durante una giornata nella Capitale: dopo un controllo dal medico Kasia va a fare shopping con la prima figlia Sophie, nata dalla sua relazione con il compianto Pietro Taricone, e poi viene raggiunta dal fidanzato.

Kasia Smutniak, relax dopo Sanremo: pranzo col “pancino” assieme all’amica

20140223_63690_99_372194_000011hCon la sua apparizione con pancino sul palco del Festival di Sanremo Kasia Smutniak ha stupito tutti.
Nessuno infatti sapeva che l’attrice fosse incinta del suo compagno,il produttore Domenico Procacci, dopo la tragica scomparsa di Pietro Taricone e la notizia ha fatto molto discutere. Appena tornata a Roma dopo le fatiche della kermesse Kasia, pancino in vista, si è concessa qualche momento di relax con un pranzo a basa di pesce a Fiumicino in compagnia di un’amica

Selvaggia contro le critiche a Kasia Smutniak: “Poveracci. Il lutto è dolore, non una condanna”

kasia_smutniak_ansa_3Kasia Smutniak ha stupito tutti sul palco di Sanremo presentandosi col pancino e svelando così la futura nascita del suo secondogenito, dopo Sophie, nata dalla sua relazione col compianto Pietro Taricone. Selvagia Lucareli ha scritto un post sul fatto, che è stato criticato e che ha spinto la blogger-presentatrice a una controreplica: “Ieri ho scritto un post sulla Smutniak – scrive Selvaggia su Facebook – sulla tragica meraviglia della vita che va avanti, visto che Kasia è incinta dopo la tragedia della morte di Taricone. Lo so che non esiste una classifica del dolore, ma in questa storia di elementi particolarmente dolorosi ce ne sono davvero tanti: Pietro e la sua giovane età, un successo stordente e poi la discesa, il paracadutismo che era una passione di Kasia trasmessa a Pietro, l’incidente con lei che si era lanciata subito dopo, la figlia che era lì, sul campo ad aspettarlo e la morte che era arrivata poco dopo. E poi una donna che s’è ritrovata vedova del proprio marito e ammogliata col dolore, il senso di colpa, la responsabilità di una figlia. Devastazione pura. Ora io mi domando. Come può certa gente misera e meschina venire qui a sputare veleno e bestialità varie, giudicando una donna a cui la vita ha concesso una seconda possibilità di felicità? Felicità per lei, per la figlia di Pietro e per la vita che sta per nascere. Che gente siete? Il lutto è un dolore, non una condanna. La morte di chi amiamo non va espiata con l’infelicità di chi resta, poveracci che non siete altro. L’amore per chi si è perso si ritrova nella vita che va avanti, nei nuovi pezzi che la compongono, nei ricordi che si mescolano al nuovo. E nell’incanto di una pancia che cresce, che si fa rotonda, dopo che la vita l’ha presa a morsi.
Davvero, siete dei poveracci. E a voi una seconda possibilità la vita non la concederà mai, perchè con la veletta nera sugli occhi per esibire il lutto, guardate solo la terra che calpestate, senza accorgervi della meraviglia del cielo che cambia sulla vostra testa.
Siete già dei morti, che giudicano chi sceglie, con coraggio, di celebrare la vita, pur conoscendone la crudeltà meglio di vo