Morta Marina Ripa di Meana, testamento video con le ultime volontà

La notizia della morte di Marina Ripa di Meana è arrivata nel pomeriggio della vigilia dell’Epifania. Poche ore dopo, nell’edizione serale, il Tg5 ha diffuso un video testamento registrato pochi giorni prima della morte nella sua casa di Roma per Radio Radicale, dove si è spenta circondata dall’effetto dei suoi cari.

marina_ripa_di_meana_gay_tutti_promiscui-2

Marina Ripa di Meana ha affidato a Maria Antonietta Farina Coscioni le sue ultime volontà, e con lei ha scelto la sedazione palliativa profonda continuata.
Di seguito uno stralcio delle sue ultime volontà: «Dopo Natale le mie condizioni di salute sono precipitate. Il respiro, la parola, il mangiare, alzarmi: tutto, ormai, mi è difficile, mi procura dolore insopportabile: il tumore ormai si è impossessato del mio corpo. Ma non della mia mente, della mia coscienza. Ho chiamato Maria Antonietta Farina Coscioni, persona di cui mi fido e stimo per la sua storia personale, per comunicarle che il momento della fine è davvero giunto. Le ho chiesto di parlarle, lei è venuta. Le ho manifestato l’idea del suicidio assistito in Svizzera. Lei mi ha detto che potevo percorrere la via italiana delle cure palliative con la sedazione profonda. Io che ho viaggiato con la mente e con il corpo per tutta la mia vita, non sapevo, non conoscevo questa via».
«Ora so – prosegue Marina Ripa di Meana nel video testamento registrato qualche giorno fa – che non devo andare in Svizzera. Vorrei dirlo a quanti pensano che per liberarsi per sempre dal male si sia costretti ad andare in Svizzera, come io credevo di dover fare. È con Maria Antonietta Farina Coscioni che voglio lanciare questo messaggio, questo mio ultimo tratto: per dire che anche a casa propria, o in un ospedale, con un tumore, una persona deve sapere che può scegliere di tornare alla terra senza ulteriori e inutili sofferenze. Fallo sapere, Fatelo sapere».

Befana 2015, ecco come realizzare una calza low cost e fai da te

Le feste natalizie si chiuderanno con l’Epifania, la festa dove i bambini mangiano i dolcetti contenuti nella calza della Befana. Ma la crisi si fa sentire ed ecco dunque un’idea creativa e low cost per realizzare la vostra calza, da rimpire con dolci di ogni tipo, tutto fatto in casa.

calza-della-befana-fai-da-te-riciclo-creativo-31-640x387

Dentro casa vostra, sicuramente, avrete un vecchio maglione di lana che non indossate più: disegnate su di esso la sagoma di una calza e ritagliate attentamente. Cucire, ad un centimetro di distanza dal bordo, lungo tutto il contorno del disegno, eccetto la parte superiore.  A questo punto, rovesciate la calza, decorandola con perline, bottoni, nastrini e qualsiasi altra cosa che stuzzichi la vostra fantasia.   Ora cucite un cordino sulla parte superiore della calza, per appenderla.