Allison Mack, la Chloe di Smallville, è a capo di una setta segreta a sfondo sessuale

Allison Mack, la Chloe di Smallville, sarebbe a capo di una setta segreta a sfondo sessuale. È l’accusa choc nei confronti dell’attrice che interpretava l’amica del giovanissimo Clark Kent nella serie tv che è andato in onda per 10 anni dal 2001 al 2011.

Allison Mack 1

Viso angelico, classica ragazza della porta accanto, avrebbe reclutato donne per farle diventare delle schiave sessuali. L’incredibile storia è stata riportata dai media britannici e la vedrebbero come uno dei membri più importanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”.
La storia è emersa dalle testimonianze di alcune di queste donne vittime della setta che, pentite, hanno rilasciato alla celebre testata la loro dichiarazione. Il Sun ha infine lanciato l’accusa pesante nei confronti della Mack sostenendo come lei fosse stata incaricata dal fondatore della setta Keitg Raniere di reclutare circa 25 ragazze per farne loro delle schiave del sesso.
Le vittime riceverebbero addirittura un marchio a fuoco sulla pelle con le iniziali del fondatore, costrette al digiuno, all’obbedienza nei confronti del loro padrone, a sottoporsi a prove di dolore e a consegnare foto e filmati personali in pose hot. E la bionda attrice di Smallville sarebbe passata da vittima a carnefica di tali oscenità e atrocità.

Dalila Di Lazzaro: “Mi hanno fregata, così ho perso 250mila euro”

“Sono stata truffata e ho perso 250mila euro”, spiega in una intervista concessa al “CorriereTv”, l’attrice Dalila Di Lazzaro. Racconta di aver speso circa 750mila euro dal ’97 a oggi in cure mediche a causa di due incidenti di vent’anni fa: una buca presa in scooter e un incidente in piscina.

1490348619633.jpg--

“Convivo con un dolore pressochè cronico al trapezio, che non viene riconosciuto dalle assicurazioni come infortunio e per questo dei soldi per curarmi con un macchinario che cura le neuropatie, me ne hanno rimborsati negli anni 1.500”.
Per risolvere il problema la Di Lazzaro racconta di essere stata presa in giro da “un signore di cui mi fidavo e che invece ha fatto dei papocchi e per colpa del quale ho perso 250mila euro. Che sono tanti… Non avendo letto determinate carte che mi avevano messo sotto il naso e che ho purtroppo firmato, non ero al corrente di come fossero stati investiti i miei soldi. Quando me l’hanno detto, quando mi hanno confermato che non c’erano più, spariti, mi è venuto un herpes grosso così sulla schiena”.

Ariana Grande sconvolta dopo l’attentato: “Vorrei pagare i funerali delle vittime”

Un giorno di terrore per tutto il mondo, l’attentato di Manchester ha riacceso una paura mai sopita sul terrorismo internazionale, ma in questo clima di dolore e spavento arriva un messaggio di solidarietà da parte di Ariana Grande, l’artista che si stava esibendo quando è avvenuta la deflagrazione.

ariana-grande-primo-piano

Ariana si è offerta di pagare i funerali delle vittime dell’attacco di Manchester. Secondo quanto si legge sul ‘Mirror’, la notizia è apparsa su un account social dedicato alla star pop 23enne, che a poche ore dalla strage si era detta “distrutta dal dolore”fino a decidere di sospendere il tour.

Eli Canalis e il matrimonio con Brian Perri: “Non mi sento più sola”

1013162_578969302155085_273144707_n

LOS ANGELES – “Brian è un uomo speciale. Da quando c’è lui non mi sento più sola”. Elisabetta Canalis parla a “Oggi” del suo futuro marito, Brian Perri: “Non è stato discusso a tavolino – ha fatto sapere – Io ho sentito che era l’uomo che aspettavo da sempre e credo che a lui sia capitata la stessa cosa”.
Il ricordo della perdita del bambino è ancora un dolore: “Nei giorni in cui ho pensato di diventare madre ho capito che alcune mie dichiarazioni del passato sul non avvertire un vero senso materno erano una bugia che dicevo a me stessa: la verità è che avevo paura di provare un amore così grande e così definitivo come quello che si sente per un figlio”.
Il gossip vuole che le nozze si tengono il 14 settembre (“Ho sempre sognato di sposarmi. Vedrete, vi stupirò”), vicine a quelle del suo ex, George Clooney: “Gli auguro di essere felice perché George è una brava persona e se lo merita. Siamo rimasti in buoni rapporti”.

Maradona querela Gnocchi: “Vittima della droga, non accetto scherzi”

diego-armando-maradona«Io solo posso sapere che cosa significa essere vittime della droga e quali sacrifici siano necessari per uscire dalla tremenda schiavitù. Da oltre dieci anni io ne sono fuori e non permetto a nessuno di accostare il mio nome a quello dei narcotrafficanti, nemmeno per scherzo». Lo ha detto, secondo quanto riferisce il suo avvocato, Angelo Pisani, Diego Armando Maradona che stamani si è recato alla Procura di Napoli dove ha confermato la querela nei confronti di Gene Gnocchi che ha accostato il suo nome a quello dei narcotrafficanti colombiani del cartello di Medellin.  Una battuta pronunciata nel corso di una puntata de «Il Processo del lunedì» andata in onda lo scorso febbraio. Diego ha rivolto anche un appello ai giovani. «Dico a tutti voi che la droga è morte, è dolore, è un modo per arricchire la criminalità. Non cadete in questa trappola – ha affermato Maradona – perchè è bello vivere, è bello lo sport quando è sano, all’insegna della natura e della pace».

Lily Allen choc: “Ho rischiato di morire a causa di un aborto quattro anni fa”

Lily-Allen-Sam-CooperConfessione choc quella di Lily Allen che ha ammesso che nel 2010 stava per morire a causa di un aborto. La pop star aspettava il suo primo figlio da Sam Cooper ma purtroppo ci sono state delle complicazioni nella gravidanza e ha perso il bambino.
«Ho rischiato di morire», dice al The Sun, «Ma non me ne importava nulla, ero completamente insensibile dopo aver perso il mio bambino».
«Non è qualcosa che puoi superare. È una delle cose più brutte che possa capitare a una persona», ammette con dolore e poi dice di averlo superato.  L’operazione andò bene e con il tempo la Allen ha avuto due bambine: Ethel di due anni e Marnie di uno.
Oggi la cantante è felice ma ammette di aver passato uno dei periodi più brutti della sua vita, in cui cercava di sfogare i suoi dolori nell’alcol.

Lacrime da vip: anche i famosi piangono

20140405_66655_belen2Di gioia, dolore, commozione o rammarico, anche i vip piangono. Come Mario Balotelli, che voleva dedicare un gol alla figlia Pia e invece è stato sostuito a un quarto d’ora dalla fine della partita. Oppure Belen Rodriguez, che ha perso il nonno nel giorno del suo matrimonio con Stefano De Martino e non è riuscita a trattenere l’emozione durante una puntata di Verissimo.  Anche Jennifer Lopez ci è cascata, ha pianto per l’eliminazione di uno dei suoi concorrenti in American Idol. Un pianto gioioso quello di Beyoncé, che durante l’ultima tappa del tour americano ha voluto che i riflettori restassero accesi sulle sue lacrime. Angelina Jolie, invece, si è commossa ricordando le vittime della strage di Srebrenica.

Sindrome del Cuore Spezzato

Quando finisce un amore, soprattutto in modo improvviso e poco chiaro, ci si sente spezzare il cuore. Sembra che in casi simili la metafora usata da tutti possa rivelarsi come una realtà. La Sindrome del cuore spezzato è un disturbo causato da shock emotivi forti sia negativi, come una brutta notizia, un lutto o la fine di un amore, sia positivi, come la vittoria alla lotteria, che presenta gli stessi sintomi di un attacco cardiaco, ma senza le stesse conseguenze fisiche come l’ostruzione delle arterie e i danni muscolari. Fondamentalmente, ciò che provoca l’attacco è un improvviso squilibrio di ormoni e adrenalina, che blocca la funzionalità cardiaca. Il disturbo fu individuato per la prima volta in Giappone nel 1990, quando fu dimostrato che uno shock improvviso o un immediato stress emotivo può causare al cuore sintomi simili a un infarto ma senza danni permanenti e a livello medico viene infatti chiamata “cardiomiopatia di Takotsubo”. Rispetto all’infarto vero e proprio questo ha una prognosi migliore e meno recidiva. Ma la cosa più caratteristica è che più di due terzi degli attacchi siano stati preceduti da forti stress fisici ed emotivi, come notizie molto brutte o seri problemi sentimentali ed accadono tra la primavera è l’estate, al contrario dell’infarto vero e proprio.
Le cause di tale tipo di cardiopatia ancora non sono chiare. Secondo alcuni sarebbe una forma di attacco di cuore che “abortisce”, cioè che inizia a dare sintomi ma poi non si concretizza. Altri sostengono che la sindrome non ha nulla a che fare con le arterie coronariche ed è semplicemente un problema del muscolo cardiaco. È pur vero che però l’innesco è fortemente connesso allo stress psicologico provocato da forti livelli emozionali. Gli stress emotivi, soprattutto quelli negativi, sono spesso seguiti dall’adozione di stili di vita non sani adottati per ‘distrarsi’ dalla sofferenza. È molto frequente la tendenza a lasciarsi andare, o voler ‘stordirsi’ attraverso sostanze come all’alcol o droghe. Questi comportamenti hanno effetti deleteri sulla salute.
Sembra che le donne siano quelle più soggette a questa patologia soprattutto dopo la menopausa.
Per affrontare la situazione è bene capire che il problema dipende molto dal nostro vissuto emotivo. È su quello che bisogna andare a lavorare per riuscire ad elaborare lo shock in modo positivo. Un blocco emotivo può essere deleterio e creare un blocco fisico, come in questa cardiopatia, o vitale. Le emozioni vanno lasciate fluire, vanno vissute ma poi lasciate andare elaborandole. Se il peso di un amore spezzato diventa troppo pesante da portare, vi sentite schiacciati e non riuscite ad andare avanti allora è il caso che cerchiate un aiuto psicologico che vi permetta di elaborare le vostre emozioni e tornare a vivere più serenamente. Sopravvivere ad una perdita si può anche se questa ci spezza il cuore.