Flavia Pennetta donna dell’anno, con amore

La “donna dell’anno” è anche quella col look più originale.
Splendida in un corpetto nero di paillettes con ampia gonna in organza di seta con stampate parole d’amore, di Atelier Emé, anche se non era il suo matrimonio (si sposerà nel 2016 con il giovane e bel tennista Fabio Fognini), per Flavia Pennetta è stato comunque uno dei “giorni più importanti” della sua vita.

Flavia-Pennetta-donna-dellanno-2015-Gazzetta-Sports-Award-corpetto-gonna-Atelier-Emé-4

Perché La Gazzetta dello Sport l’ha voluta premiare durante i Gazzetta Awards come “atleta donna dell’anno”.
La vincitrice dell’Us Open, omaggiata con un anello di Damiani consegnatole da Marco Mengoni, prima ha ringraziato perché “lusingata e onorata”, e una volta scesa dal palco, a chi le faceva i complimenti sul look, ha confessato: “Mi piace sentirmi donna e indossare abiti eleganti”.
Teresa Mannino, luccicante in Tom Ford e Giorgio Pasotti, presentatori della serata al Metropol di Milano, hanno chiamato sul palco anche Roberta Vinci (premio “exploit dell’anno” grazie alla sua vittoria su Serena Williams), che con la Pennetta a New York ha dato vita alla sfida di tennis che è già leggenda. Le due rivali sono in realtà ottime amiche.
Tra i premiati anche il ct della Nazionale Antonio Conte, Gregorio Paltrinieri, Fabio Aru, Alex Zanardi. Dulcis in fundo la pallavolista Valentina Diouf si è aggiudicata il premio “gentleman”, Martina Caironi il premio dedicato agli atleti paralimpici.

Da ginnasta mondiale a sexy squillo di lusso: la storia di Florica, ex atleta romena

1619291-1402511468La sua vicenda ha dell’incredibile: era una ginnasta fra le migliori del mondo, erede della mitica Nadia Comaneci, sua connazionale romena che dominò le cronache sportive 30 anni fa. Ma lei, Florica Leonida, alle passerelle ora che ha 27 anni ha preferito… le case d’appuntamenti fra le quali anche quella di Villach, in Carinzia, poco dopo la frontiera, frequentata da molti italiani.A scoprirlo è stato il Daily Mail che riporta sue dichiarazioni choc: “Devo sbarcare il lunario, faccio ciò che devo”. Florica ha gareggiato anche in Italia per la Gal di Lissone (Milano) – nel 2005 – dopo essere cresciuta tra i mille sacrifici: era entrata nella nazionale romena allenata da Octavian Bel vincendo decine di medaglie: l’argento a squadre ai Mondiali di Anaheim 2003, negli Usa, e poi l’argento europeo a squadre a Volos 2006, proprio dietro alle nostre azzurre. La sua specialità era la trave, è stata anche oro europeo juniores a Patrasso 2002.  Dopo la carriera sportiva, si è persa. Le voci circolavano nell’ambiente divenendo sempre più insistenti: alcuni siti di escort riportavano la foto di una ragazza identica a “Floarea”, come la chiamano gli amici. Quel fisico modellato da anni di esercizio, prima come ginnasta, poi come allenatrice, è diventato la conferma.  Lo ha confessato al Daily Mail: “Sono una prostituta. Lavoro in un bordello”. A 27 anni ha preso la decisione difficile di prostituirsi per soldi. Andata in Germania ha cambiato nome: Sascha Brown. Prendeva gli appuntamenti attraverso un sito porno, riceveva in un bordello, vita squallida ma guadagni importanti. Dai 700 euro al mese come allenatrice, alle migliaia di euro al giorno. Sasha arrivava a guadagnare anche tremila euro per una notte.  Presto i guadagni sono aumentati, entrate sempre più importanti per lei che doveva provvedere anche alla famiglia in Romania. I genitori non sapevano, fino alla sua rivelazione, che lei facesse la prostituta. Ma ormai, per sua stessa ammissione, è difficile cambiare vita. O meglio, cambiare lavoro. Dopo che i giornali in Romania hanno raccontato la sua storia, Florea-Sascha ha cambiato città, trasferendosi dalla Germania all’Austria, a Vienna. Lì divide un appartamento con una amica, una collega.